Decreto mobilità provinciali – iniziative unitarie.
Decreto mobilità provinciali – iniziative unitarie

Cgil Cisl e UilFpl

Cari amici, cari compagni

visti gli enormi ritardi che stanno caratterizzando il processo di riordino del sistema delle autonomie locali ed in particolare delle Province e delle Città metropolitane, riteniamo imprescindibile un intervento da parte del Governo volto alla risoluzione dei problemi che stanno emergendo in queste settimane, anche alla luce dei profondi ritardi con cui stanno intervenendo alcune Regioni.

Come abbiamo avuto modo di sollecitare anche negli ultimi giorni, è necessario che il Governo si faccia carico delle seguenti questioni:

  1. Completare al più presto il processo di riordino delle funzioni non fondamentali a livello regionale e, successivamente, attivare tutte le procedure di mobilità previste dal decreto riservandole al personale non collocato nelle suddette funzioni;
  2. Individuare una soluzione per evitare lo smantellamento dei corpi di polizia provinciale senza che questo ostacoli le procedure di ricollocazione del rimanente personale;
  3. in considerazione della conferma dei tagli ai trasferimenti delle province indicati nella Legge di Stabilità 2016 che sta per iniziare il suo iter, un impegno affinché, in coerenza con quanto previsto nella legge di conversione del dl 78/2015 in merito ai bilanci degli Enti di area vasta, si riduca il prelievo previsto dalla legge di stabilità 2015 evitando, in questo modo, gli effetti di situazioni di disequilibrio finanziario di molti Enti;
  4. Individuare una soluzione medio tempore che non vada a depauperare il reddito pro capite e che mantenga immutati i livelli salariali dei lavoratori trasferiti almeno fino all’effettiva integrazione nel nuovo Ente e alla nuova contrattazione;
  5. La risoluzione del problema del precariato prossimo alla scadenza del 31 dicembre;
  6. Attivare, laddove fossero mancate, tutte le forme di partecipazione sindacale previste dalla normativa, a partire da un confronto nazionale anche con il coinvolgimento di Regioni, Province e Comuni, ormai fermo da troppo tempo;
  7. Affrontare con urgenza il processo di riorganizzazione e di rafforzamento dei Centri per l’impiego con particolare attenzione alla salvaguardia di tutto il personale interessato.

Per tali ragioni vi invitiamo a proseguire nell’organizzazione delle iniziative che sono già state messe in campo, nonché ad indire in tutte le Regioni/Province/altre sedi significative delle iniziative territoriali per il giorno 27 ottobre in modo da dare la necessaria visibilità nazionale alla vertenza. Vi trasmettiamo in allegato il relativo VOLANTINO (clicca su ed effettua il download )

Distinti saluti.

                   FP CGIL                      CISL FP                                  UIL FPL

         Federico Bozzanca           Daniela Volpato                  Giovanni Torluccio