LEGGE DI BILANCIO 2016: I SINDACATI CONFEDERALI CHIEDONO IL RISPETTO DEGLI ACCORDI SUI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO

legge-di-bilancio

La  legge di bilancio approvata oggi al Senato, non ha recepito l’impegno assunto dal Governo, nell’accordo sottoscritto in data 30 novembre u.s., in merito alla proroga dei contratti dei precari in scadenza al 31 dicembre 2016.

Qui di seguito, riportiamo la nota unitaria , a firma dei segretari generali,  con la quale si invitano le strutture in indirizzo ad iniziative di mobilitazione territoriali a sostegno dell’approvazione di un apposito provvedimento, d’urgenza, che proroghi i contratti in scadenza.

cgil_cisl_uil

Roma, 7 dicembre 2016

Ai Segretari Generali Regionali e Territoriali

FP CGIL – CISL FP – UIL FPL

 

 Cari amici e compagni,

come sapete il Governo ha messo la fiducia al Senato sulla legge di bilancio, impedendo qualsiasi azione emendativa su un testo che, a questo punto, non accoglierà le nostre proposte di modifica. In particolar modo ci preme evidenziare il forte rischio dell’assenza di rinnovo di migliaia di contratti a tempo determinato e di collaborazione in scadenza al 31 dicembre 2016, nonché l’assenza della proroga delle graduatorie dei concorsi recentemente espletati.

Il rischio concreto riguarda i precari di tutti i settori delle Pubbliche Amministrazioni, in particolare i precari con contratti di collaborazione, i precari delle province e dei centri per l’impiego, nonché quei lavoratori che prestano servizio in enti in condizione di difficoltà economico finanziaria.

Questa situazione rende imprescindibile l’approvazione di un decreto che proroghi il termine del 31 dicembre in funzione della salvaguardia dei livelli occupazionali e della garanzia di servizi essenziali che oggi funzionano grazie all’apporto di personale precario.

Un tale provvedimento sarebbe, inoltre, rispondente anche all’impegno concreto che si è assunta la Ministra Madia nell’intesa del 30 novembre.

Allo stesso modo serve prorogare le graduatorie concorsuali per quanti hanno superato una selezione negli ultimi anni: infatti la legge di bilancio interviene solo  sulle graduatorie in essere al 2013 (alla data di approvazione del dl 101/2013).

A sostegno dell’approvazione di provvedimenti di questa natura, riteniamo necessario organizzare iniziative di mobilitazione in tutti i territori interessati dalla presenza di personale precario ricorrendo a tutte le forme di pressione possibile nei confronti dei parlamentari eletti nelle diverse realtà.

Nelle prossime ore vi faremo avere tutto il materiale utile a sostegno di questa vertenza.

 

FP CGIL                     CISL FP                    UIL FPL

      Serena Sorrentino           Giovanni Faverin            Michelangelo Librandi