Cgil Fp Cisl Fp Uil Fpl

SEGRETERIE REGIONALI PUGLIA

 

 

ALL’ ASSESSORE ALLE POLITICHE DELLA SALUTE DELLA
REGIONE PUGLIA
Dr. Elena GENTILE

E, p.c. AL SIG. PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA
On.le Nichi VENDOLA

Al Direttore di Area per le politiche per la promozione
della salute, delle persone e delle pari opportunità –
Regione Puglia
Dr. Vincenzo POMO

Al Dirigente del Servizio Programmazione ed Assistenza
ospedaliera e specialistica – Regione Puglia
Dr.ssa Silvia PAPINI

Loro Sedi

 

Oggetto: Proroga dei contratti a tempo determinato nelle Aziende e negli Enti del SSR. Art. 18 L.R. n.45 del
30.12.2013.

Facendo seguito alle sollecitazioni che nelle scorse settimane si sono rivolte per affrontare il delicato tema
della proroga delle centinaia di contratti di lavoro a tempo determinato del personale sanitario e di quello
infermieristico in particolare, nei prossimi giorni in scadenza nelle Aziende e negli Enti del SSR, si chiede che
venga con urgenza convocato uno specifico incontro, allargato alla partecipazione dei Direttori Generali
delle ASL, in modo da fornire agli stessi, con riferimento alla corretta applicazione della normativa
nazionale (vedasi direttiva del Sottosegretario di Stato alla Salute On. Fadda del 10.12.2013) e regionale –
art. 18 LR n. 45 del 30.12.2013, puntuali ed esplicite direttive che consentano la proroga al 31.12.2016 dei
lavoratori precari.

Tanto si rende necessario per assicurare da un lato la funzionalità dei servizi e la continuità assistenziale in
favore dei cittadini e dall’altra la continuità lavorativa dei tanti professionisti da anni impegnati
precariamente nelle strutture sanitarie delle ASL Pugliesi, evitando, peraltro, l’innescarsi di evitabili proteste
ed allarmi sociali, e nuove ondate di ricorsi giudiziari con conseguenti pesanti esborsi da parte della
Regione.

Restando in attesa di urgente riscontro, si porgono distinti saluti.

                          FP C.G.I.L.                            C.I.S.L. FP                                    U.I.L. FPL
                      (Biagio D’Alberto)                       (Enzo Lezzi)                             (Giuseppe Vatinno)