SANITASERVICE ASL TA:

I SINDACATI DENUNCIANO L’IMPEDIMENTO DELLE RELAZIONI SINDACALI

sanitaservice-asl-ta


fp-cgil_cisl-fp_uil-fpl_ugl_fials

Al Ministro dell’Interno
per tramite di S.E. il Prefetto di Taranto

Al Sig. Questore di Taranto

Alle Segreterie Nazionali
Alle Segreterie Regionali
Alle segreterie Confederali di Taranto
Fp Cgil – Cisl Fp – Uil Fpl – Ugl Sanità – Fials Sanità

Taranto, 10 novembre 2016

In data odierna per le ore 11:00, presso la direzione amministrativa della ASL Taranto era stata convocata una seduta di relazioni sindacali nell’ambito della contrattazione aziendale di Sanitaservice Asl Ta alla presenza dell’Amministratore Unico e del Socio Unico (ASL TARANTO).

Le OO.SS. convocate risultano essere sigle firmatarie del CCNL Aiop, ovvero FP Cgil – Cisl FP – Uil FPL – Ugl Sanità – Fials Sanità.

All’orario della convocazione, il Socio Unico, Direttore Generale dell’Asl Taranto, per il tramite di una dipendente della direzione amministrativa ci comunicava il suo impedimento a garantire la riunione per motivi di ordine pubblico in considerazione del fatto che in quel momento, lavoratori appartenenti ad altre sigle sindacali si erano spostati dal loro sit-in di protesta dalla sede stradale, nei locali della direzione generale (ambienti ben videosorvegliati), pur in presenza delle forze dell’ordine.

Con la presente si denuncia l’impedimento alle scriventi OO.SS. dell’assolvimento del proprio ruolo di rappresentanza sindacale nell’interesse dei lavoratori rappresentati e dei lavoratori tutti.

Il risultato finale di quanto accaduto, di fatto, ha impedito il raggiungimento di ogni utile accordo che avrebbe garantito a tutti i lavoratori della Sanitaservice, l’avvio del riconoscimento economico delle indennità contrattualmente previste e mai corrisposte, nonché la pianificazione della elevazione dell’orario di lavoro dei dipendenti a tempo parziale, argomento rispetto al quale le scriventi OO.SS. avevano ricevuto piena disponibilità dall’amministratore unico e dal socio unico, il direttore generale dell’Asl.

Solo per il grande senso di responsabilità della delegazione confederale non si è giunti ad un reale contatto fisico in un clima di tensione e di intimidazione inaccettabile

                                             FP CGIL                               CISL FP                               UIL FPL                                  UGL SANITÀ                               FIALS SANITÀ