Sit in di protesta davanti al Presidio Ospedaliero Moscati: il Governatore Emiliano e il D.G. Asl Taranto Rossi preferiscono un dietrofront al confronto

Sit in di protesta davanti al Presidio Ospedaliero Moscati da parte di FP CGIL – CISL FP -UIL FPL – FIASL ed RSU in attesa dell’arrivo del Governatore Emiliano e il D.G. Asl Taranto Rossi per l’inaugurazione della sala accoglienza del reparto di Oncologia, la quale è stata recentemente tinteggiata e decorata da artisti reclutati dall’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri), e dove è stato collocato un pianoforte acquistato con i fondi raccolti in occasione del I Memorial “Totò Negro” (tenutosi presso il Teatro Petruzzelli di Bari nello scorso mese di ottobre).

Successivamente dovevano visitare il Reparto di Pneumologia, inaugurato dallo stesso Presidente nel novembre scorso con i primi 10 posti letto, e ora trasferito al quinto piano del Presidio Ospedaliero e ampliato a 20 posti letto, come previsto dal Piano di Riordino Ospedaliero.

Purtroppo, il Governatore Emiliano e il D.G. Asl Taranto Rossi preferiscono un dietrofront al confronto con le parti sociali che attendono invano risposte sui mancati accordi contrattuali già sottoscritti nei confronti dei lavoratori dell’Asl Taranto.

La condotta del Governatore Emiliano e del D.G. Asl Taranto Rossi resta ancora più incomprensibile se vista alla luce del confronto con le stesse parti sociali ed RSU in data 20 maggio u.s. a Grottaglie

Proprio in quell’incontro, sembrava dirimente circa la risoluzione degli accordi già sottoscritti e già all’epoca non acora resi esigibili e, contestualmente, circa tutti i punti contenuti nella piattaforma rivendicativa già all’attenzione da tempo del management.

Allo stato attuale permane lo stato di agitazione da parte delle parti sociali.