Vertenza polizia locale

Vertenza polizia locale_volantino

Comunicato unitario

Cgil Cisl e UilFpl

                                                                                                          Roma, 26 gennaio 2015 

Alle Strutture Territoriali FP CGIL – CISL FP – UIL FPL 

Oggetto:  vertenza Polizia Locale

Cari amici e compagni,
le condizioni normative e di lavoro della Polizia Locale, sia quella Municipale che Provinciale, ci consegnano un quadro di degrado istituzionale e normativo che impone un’azione decisa di tutela delle funzioni e della dignità di questi lavoratori.

               Di fronte ad un Governo che opera tagli ai diritti dei lavoratori e riduce i trasferimenti fondamentali per i servizi dei cittadini, molte Amministrazioni Comunali, anziché opporsi alla politica del Governo e preoccuparsi delle collusioni fra criminalità, malaffare e istituzioni, non trovano di meglio che scaricare responsabilità ed inefficienze sui propri lavoratori e sui cittadini, aumentando le imposte locali e tagliando i servizi. Come dice il proverbio, il pesce puzza dalla testa. Anche la recente vicenda relativa al Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale ha raggiunto livelli assolutamente inaccettabili e si è trasformata in una aggressione mediatica ed istituzionale nei confronti dell’intera categoria e di tutto il mondo del lavoro del Pubblico Impiego, tramutando l’intera vicenda in un vero e proprio caso nazionale.
               Per tali ragioni riteniamo fondamentale estendere la mobilitazione su tutto il territorio nazionale, dando indicazione alle strutture in indirizzo, di organizzare in contemporanea il 10 febbraio presidi del personale della Polizia Locale, Provinciale e Municipale, davanti alle Prefetture, per manifestare la nostra indignazione di fronte all’incredibile attacco di cui è oggetto la categoria ed al tempo stesso, portare avanti le nostre rivendicazioni.
Contestualmente chiederemo uno specifico incontro al Ministero degli Interni per affrontare una volta per tutte il tema della modifica dell’ormai obsoleta legge 65/86 per:

  • renderla più rispondente al mutato quadro normativo e istituzionale, uniformando su tutto il territorio nazionale le condizioni operative della Polizia Locale;
  • un giusto riconoscimento e valorizzazione del ruolo e delle funzioni della Polizia Locale;
  • il riconoscimento della specificità e peculiarità dei Corpi di Polizia Locale;
  • una riforma della Polizia Locale, che tenga conto della specificità del ruolo della Polizia Provinciale, in particolar modo sulle materie ambientali, alla luce del processo di riassetto istituzionale di cui alla legge 56/2014;
  • porre fine all’ingiusta discriminazione, che ha estromesso gli appartenenti ai Corpi di Polizia Locale dal riconoscimento della causa di servizio e dall’equo indennizzo;
  • riaffermare e valorizzare la professionalità di una categoria che svolge ormai un ruolo essenziale ed insostituibile all’interno delle città e nel territorio, garantendo ai cittadini servizi fondamentali sotto l’aspetto della prevenzione e delle politiche per la sicurezza.

Riaffermiamo con orgoglio l’importanza strategica della figura dell’agente e dell’ufficiale di Polizia Locale e che non è accettabile ne sia vilipesa la dignità e l’immagine, come recentemente accaduto.
               Chiaramente saremo più precisi nelle successive comunicazioni anche rispetto agli aspetti organizzativi.

Cordiali saluti

FP CGIL

Federico Bozzanca

CISL FP

Daniela Volpato

UIL FPL

Giovanni Torluccio

Leggi il comunicato unitario, clicca su questo link: VERTENZA POLIZIA LOCALE

Scarica il volantino POLIZIA LOCALE: DIFENDIAMO LA NOSTRA DIGNITA’

UIL FPL NAZIONALE